6 Giugno 2020

A un metro da te, vivere un respiro alla volta

5 Giugno 2020

The VVitch, vuoi ascoltare una favola?

4 Giugno 2020

Gli spietati, alba e tramonto di un genere

1 Giugno 2020

La ricerca della felicità, il miglior Muccino

30 Maggio 2020

Star Wars: Episodio I – La minaccia fantasma, il passo falso di George Lucas

28 Maggio 2020

Rush, rombo di motori e lacrime d’emozione

25 Maggio 2020

Snowpiercer, la distopia “orientalmente hollywoodiana” di Bong Joon-ho

22 Maggio 2020

Quanto è grande l’Elephant nella stanza?

20 Maggio 2020

La dolce vita, 60 anni nella giungla felliniana

18 Maggio 2020

Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino, we could be heroes

15 Maggio 2020

Il traditore, delitti e castighi

13 Maggio 2020

Detroit, il cinema come memoria

9 Maggio 2020

Tyler Rake, Netflix da record

23 Aprile 2020

Arancia Meccanica, un sorso di lattepiù

Con il(la) suo(a) nono(a) film(sinfonia), Stanley Kubrick dirige e produce l'adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo distopico di Anthony Burgess. Focalizzandosi sull'iconica figura di Alex DeLarge, il regista conduce una riflessione ed un'indagine sulla strumentalizzazione, ipocrisia e condizionamento della politica, sulla violenza, sul crimine, sulla libertà, sulla morale e sulla crescita, arricchendo e completando il tutto con una regia calibrata che ha fatto scuola, un'estetica originalissima ed irripetibile, una colonna sonora storica e maestosa ed interpretazioni immedesimate e memorabili. Tra i migliori film di tutti i tempi, forte di quattro candidature all'Oscar e praticamente esente da difetti, Arancia Meccanica provoca, emoziona e suscita scalpore ancora oggi, a quasi cinquant'anni dall'uscita originale
18 Aprile 2020

Bombshell, ti piace vincere facile?

E' finalmente disponibile, in esclusiva su Amazon Prime Video, il film di Jay Roach vincitore di un premio Oscar ed incentrato sul reale scandalo riguardante Fox News e le accuse di molestie nei confronti del dirigente Roger Ailes. Un tris di interpretazioni immedesimate, espressive, potenti, semplicemente magnifiche arricchisce una pellicola tutto sommato riuscita, ma che avrebbe potuto suscitare molte più emozioni e riflessioni nello spettatore se fosse stata più incisiva e brutale. Una sceneggiatura frenetica e fluida bilancia una messa in scena fin troppo classica e per nulla inedita ed una regia che tenta di scimmiottare lo stile di Adam McKay. Ciononostante, Bombshell rimane un film da vedere assolutamente anche solo per il tema trattato
13 Aprile 2020

Psycho, 60 anni al Bates Motel

Alfred Hitchcock dirige probabilmente la sua opera massima e più celebre, costruendo uno dei primi thriller psicologici della storia del cinema. Basandosi sull'omonimo romanzo di Robert Bloch, il così soprannominato maestro della suspense dà vita ad una vicenda dalla tensione crescente, costantemente sul filo del rasoio e rivoluzionaria per la Hollywood tra la fine degli anni 50 e l'inizio dei 60. Inquadrature e sequenze entrate di diritto nell'immaginario comune, una messa in scena ed una fotografia da manuale, uno dei colpi di scena più celebri e geniali della cinematografia mondiale, un tema musicale iconico ed un magnifico Anthony Perkins nel ruolo di Norman Bates fanno di Psycho uno dei migliori film che abbiano mai solcato lo schermo cinematografico
7 Aprile 2020

Colazione da Tiffany, un classico intramontabile

Blake Edwards dirige una Audrey Hepburn e un George Peppard in forma smagliante in questa commedia romantica datata 1961, vincitrice di 2 premi Oscar. Entrata di diritto nell'immaginario comune e nella storia del cinema mondiale, la pellicola ha come maggior pregio quello di aver creato un personaggio, quello di Holly, divenuto e ritenuto ancora oggi una vera e propria icona. Citato, copiato, amato, rispolverato in continuazione, il cult di Edwards continua ad emozionarci; pure a quasi 60 anni dalla sua uscita originale
1 Aprile 2020

La città incantata, è ancora possibile sognare

Hayao Mizayaki, maestro dell'animazione giapponese, dirige per Studio Ghibli uno dei film più importanti ed universalmente riconosciuti del genere. Un design grafico originale e magico di ambienti e personaggi, animazioni fluide ed un concept potentissimo e sviluppato divinamente arricchiscono un racconto di formazione che sfida ogni convenzione, narrando la storia di un'eroina che riesce nei propri scopi soltanto grazie alle proprie abilità. Unico anime nella storia ad aver vinto il premio Oscar, La città incantata è un capolavoro assoluto ed eterno che riesce ancora - a 19 anni dalla sua uscita originale - a far leva sulle emozioni e sulla fantasia di tutti, sia grandi che piccini