9 Gennaio 2020

Sorry We Missed You, quando vivere diventa sopravvivere

Ken Loach, you didn't miss me! Il regista di Kes, Ken Loach, dirige una pellicola assolutamente sensazionale. Un fulmine a ciel sereno, Sorry We Missed You è una pellicola che sconvolge e travolge, un letterale pugno allo stomaco che rappresenta la contemporaneità in modo vero e viscerale
7 Gennaio 2020

6 Underground, qualcuno fermi Michael Bay!

Il padre della saga di Transformers torna a far parlare di sé con la produzione Netflix più costosa di sempre. Un film fedele allo stile del regista, frenetico, rocambolesco, scatenato, eccessivamente lungo e confusionario con un cast ispirato - a differenza della sceneggiatura e della regia
6 Gennaio 2020

Storia di un matrimonio, grande cinema ed umanità dolorosa e palpabile

Noah Baumbach firma un film che rasenta la perfezione estetica ed emozionale, costruendo un dramma familiare violento, travolgente, senza esclusione di colpi, con grandi interpretazioni ed una caratterizzazione e credibilità impressionante dei diversi personaggi
31 Dicembre 2019

Jumanji The Next Level, era proprio necessario?

Dwayne Johnson & co. tornano nel videogioco di Jumanji con questo secondo capitolo del reboot moderno del classico con Robin Williams. Un sequel assolutamente superfluo ed evitabile, a metà tra divertimento e noia e ripetizione
29 Dicembre 2019

Ritratto della giovane in fiamme, una poesia di donne per le donne

Dopo cinque anni, Celine Sciamma torna al cinema in veste di regista e sceneggiatrice con un film splendido, delicato e significativo allo stesso tempo. La pellicola, composta interamente da interpreti femminili, sfrutta la massima espressione del cinema, il primo piano, in una costante ricerca del mistero e della tensione dietro qualsiasi microespressione
24 Dicembre 2019

Pinocchio, Garrone nel Paese dei Balocchi

Il regista di Gomorra - Il film, Il racconto dei racconti e Dogman interpreta, a modo suo, la fiaba tutta italiana di Collodi, già rivisitata nel 1940 dalla Disney. Interpreti d'eccezione, un comparto visivo, stilistico ed artistico strabiliante ed una freschezza nell'interpretazione fanno di questo film il must-watch nelle sale questo Natale
19 Dicembre 2019

Star Wars L’ascesa della delusione, la morte degli Skywalker

J. J. Abrams torna alla regia della saga di Star Wars, tirando le fila di una pellicola deludente, a metà tra fan fiction e grandi aspirazioni visive e narrative. Concentrato sia a riparare al mezzo disastro dell'amato/odiato Gli ultimi Jedi sia a concludere l'arco narrativo di Luke & co., L'ascesa di Skywalker non lascia nient'altro che alcuni momenti memorabili, in un miscuglio di nostalgia e mediocrità narrativa. Un completo disastro
12 Dicembre 2019

Knives Out – Cena con delitto, WOW!

Il regista dell'amato/odiato Star Wars: Gli Ultimi Jedi torna alla regia con un giallo mystery in pieno stile Agatha Christie con un cadavere, una schiera di parenti e conoscenti, una magione sperduta nel nulla ed un detective arguto e perspicace. Quello che manca? La verità. Un film imperdibile per amanti del genere e non
9 Dicembre 2019

Frozen II, ma quindi questo segreto?

Dopo quasi sette anni dal successo del primo capitolo, Disney riporta al cinema il mito di Elsa ed Anna, imbastendo una vicenda fin troppo classica, giocando su un terreno ormai largamente battuto da altri prodotti del genere. Un film che avrebbe potuto regalare e raccontare molto di più
3 Dicembre 2019

Le Mans ’66, quando l’aquila batté il cavallino

James Mangold fa rivivere sul grande schermo la storica rivalità tra Ford e Ferrari, adottando il punto di vista predominante di Ken Miles (Christian Bale) e Carroll Shelby (Matt Damon), sullo sfondo della 24 ore di Le Mans del 1966
28 Novembre 2019

L’ufficiale e la spia, e Polanski decise di dirigere un documentario…

Il grande regista polacco scrive e dirige un film storico in costume, ispirato al celebre caso Dreyfus. Il risultato? Un film estremamente oggettivo, freddo, quasi documentaristico che, nonostante una quasi perfezione tecnica, non suscita nulla e non raggiunge gli obiettivi prefissati
25 Novembre 2019

Parasite, chi è il vero parassita?

Bong Joon-ho, regista del film Netflix Okja e di Snowpiercer, dirige un'opera dinamica, polimorfa, assolutamente sensazionale e riflessiva. Una pellicola che rasenta la perfezione, in cui tutto è dosato e calibrato nella giusta misura, in cui nulla è ciò che sembra. Un commentario sulla società contemporanea spietato, imperdibile per gli amanti del Cinema
20 Novembre 2019

Motherless Brooklyn, Edward Norton detective tra jazz e corruzione

A distanza di 19 anni, Edward Norton torna dietro - ma anche di fronte - alla macchina da presa, dirigendo e scrivendo un film, a metà tra detective movie e hard boiled, suggestivo e curato. Un canto malinconico, un vero e proprio salto all'indietro, nel tempo e nello spazio, in una New York ormai lontana
19 Novembre 2019

La donna che visse due volte rivive al cinema!

Tra i migliori lungometraggi del regista e dell'intera storia del cinema, La donna che visse due volte, del 1958, torna nelle sale in versione rimasterizzata. Frammento indelebile della cinematografia mondiale, nonché classico della suspense
11 Novembre 2019

Servillo e Hoffman entrano nel labirinto di Carrisi

Dopo La ragazza nella nebbia, Carrisi ritorna alla regia di un film tratto da uno dei suoi racconti di maggior successo, avvicinandosi moltissimo ad uno stile americano e contando due interpreti di tutto rispetto
6 Novembre 2019

The Irishman, il gangster secondo Scorsese

Il regista di Quei bravi ragazzi e Casinò torna al genere del gangster movie, con un film tratto dall'opera letteraria di Charles Brandt, incentrata sulla vita dell'irlandese Frank Sheeran e sul caso della scomparsa del sindacalista Jimmy Hoffa
22 Ottobre 2019

Maleficent Signora del Male, un seguito non richiesto

Il regista del quinto capitolo di Pirati dei Caraibi dirige un sequel superfluo, con una sceneggiatura derivativa, un ritmo non sempre regolare ed una dipendenza da Angelina Jolie fin troppo necessaria e ricalcata
21 Ottobre 2019

Grazie a Dio, la parola liberata sulla pedofilia

Francois Ozon dirige una pellicola diretta e potente su un caso di pedofilia nella Chiesa, avvenuto in Francia tra gli anni ottanta e novanta. Non un film contro la Chiesa, ma per la Chiesa e per portare a confronto e discussione